Recensioni Fili di Vetro

Leggi Alcune

Recensioni Fili di Vetro

Fili di Vetro è un romanzo escatologico, emozionante e catartico per ritrovare il contatto diretto con le proprie profonde emozioni.
Intenso, profondo, a volte pungente. Travolgente, eccitante e caldo, di terra. Non lo molli fino alla fine.
Scrittura sciolta, efficace e intrigante di chi, al primo esordio, rivela già di saperci fare accompagnandoti in un escalation di emozioni e di forti sensazioni.
Un consiglio: se possibile ascoltare, leggendo, i brani raffinatamente consigliati.

Lina Cocco – Scrittrice

Fili di vetro è un romanzo, che avvolge il lettore nel dipanarsi della trama scolpendone la mente in nitide immagini dei personaggi.
Ma è contemporaneamente, nella sostanza, quasi un saggio, che ha il pregio di condensare, divulgare e rendere più comprensibile la visione del Diamond Approach di Almaas.
Come bibliotecaria ne ho apprezzato lo stile pulito, essenziale, quasi fotografico. Come ricercatrice e counselor ho fatto tesoro delle riflessioni contenute nel libro.

Adriana Moretto – Bibliotecaria

Già la lettura dei primi capitoli è un’esperienza bella e intensa che sprona a continuare. Indira è davvero brava. Con le parole sa evocare immagini, e i personaggi diventano persone reali: sembra di vederli e di sentire ciò che loro sentono.

Enrica Melegari – Farmacista

Il libro di Indira ricordo di averlo letto tutto d’un fiato e non solo, la sera ritornavo a rileggere alcuni passaggi, perché mi toccavano profondamente.
Il fatto che sia un romanzo potrebbe fuorviare, in quanto di realtà e verità ne sono intrise le pagine.
Da leggere e da tenere pronto vicino per volerlo rileggere.

Angela Zema – Counselor

Non sono una grande lettrice di romanzi, perché non sono tra i libri che preferisco, ma Fili di Vetro, mi ha letteralmente rapita. Ho letto i primi capitoli gratuiti e quando ho iniziato a leggerli non riuscivo a staccare gli occhi dalle pagine, mi sembrava di vedere un film, mi sono emotivamente catapultata dentro al romanzo.
Fili di vetro è un romanzo molto appassionato pieno di emozioni vere, quelle che ti toccano il cuore: parla di amore, paura, dolore… sentimenti che tutti noi proviamo. Una storia dentro un’altra storia, tutte e due molte cariche di sentimenti intimi, quei sentimenti di cui molti di noi fanno fatica a riconoscere, oppure talmente intimi da non riuscire a parlarne.
È un romanzo vero, di quelli che piacciono a me, da leggere tutto d’un fiato. Devo dire che mi ha emozionato molto e non vedo l’ora di comprarlo, per continuare ad emozionarmi ancora.

Maria Rosa Argenton – Educatrice

Che dire??? L’ho letto come avrei bevuto l’acqua che disseta e con la gioia di tornare a leggere appena mi staccavo, l’ho letto non perché ho dovuto farlo per un’amica, l’ho letto per conoscerla meglio e rimanere stupita ed estasiata dalle parole che è riuscita a mettere lì, una dietro l’altra… come fili di vetro… Un libro che ritengo leggero e profondo, un saggio e un romanzo. Un libro che voglio che salga le classifiche di vendita perché so che farebbe bene a tutti tutti tutti……grazie!

Laura Rubiola – Counselor e Costellatore Familiare

Il libro è STREPITOSO, mi è piaciuto davvero molto… come precipita la situazione con il colpo di scena finale… è una roba fantastica. Bravissima veramente!

Sacha Ercoli – Impiegato

Fili di Vetro – il Nero, la Pace” è più di un romanzo. È un viaggio interiore alla riscoperta della dimensione autentica di ognuno: la pace essenziale.

Shila Brückel – Fisioterapista

Ho letto con curiosità le prime pagine di Fili di Vetro – il Nero, la Pace. Considerato l’argomento, mi aspettavo uno stile più simile al saggio e una lettura abbastanza “pesante”. Invece ho trovato quella prima parte molto scorrevole. Lo stile è piacevole e non si direbbe appartenere a una principiante e la trama, sebbene i temi trattati potrebbero spaventare, suscita interesse per l’evolversi delle vicende. In più l’attesa cresce la curiosità quindi adesso non vedo l’ora di leggere tutto il romanzo!

Mattia Deidonè – aspirante Giornalista

Ciao. L’ho finito e posso solo dire STUPENDO! Mi ha completamente rapito. Un libro scorrevole, intrigante, pieno di sentimenti e insegnamenti. Complimenti Indira. Brava

Ramazzotto Stefano Giuseppe

Una storia coinvolgente, anzi due, quella dei due protagonisti, del loro amore che attraverso l’accettazione della malattia e del distacco fisico restano uniti per sempre, e quella dello scrittore che nel raccontare la loro storia rivive la sua storia e ritrova la serenità e la pace. Una serenità, che nonostante la tristezza e la delicatezza dell’argomento trattato appaga anche noi lettori.

Nadia Zulian

Consiglio a tutti di leggere questo libro meraviglioso. Bello , intenso, commovente. Ti mette in contatto nel più profondo del tuo IO. Ti rapisce.
Grazie Indira x avermi dato queste emozioni. Continua
Non fermarti…… Sei meravigliosa

Franca Lilliu – Fashion Designer

Un libro intenso, di forte impatto emozionale; un tema non facile trattato con delicatezza, onestà e tanto, ma proprio tanto amore. Coinvolgente fin dalle prime pagine, proseguendo la lettura non si riesce a smettere fino alla fine (io son rimasta a leggere fino alle 4.00 di mattina per finirlo!). Un libro ricco di spunti di riflessione, tuttavia l’invito alla riflessione arriva in maniera leggera, non c’è forzatura. Si può accogliere questo invito o lasciarlo andare e leggere solo la storia, un storia che ognuno di noi può trovarsi a vivere. Qui viene data una possibilità diversa, possiamo dare un taglio diverso al vivere e al morire, tutto è nelle nostre mani. Lo consiglio vivamente!!!

Daniela Gasparini – Libero Professionista

Il coraggio di scrivere all’esordio di argomenti così importanti come la sofferenza e la morte (dato che ci riguardano tutti) ma così spesso, almeno nella nostra cultura, evitati quando non addirittura respinti. Grazie alla scrittura scorrevole e coinvolgente, Fili di vetro accompagna chi legge dentro tutte le emozioni proposte con amorevole leggerezza. Buona lettura”.

Massimo – Giardiniere

Cara Marcella, sono Laura, ho avuto il tuo libro da (…) mia amica vera da una vita, con cui ho condiviso anch’io, come dalla tua dedica a lei, discussioni, risate, mangiate ed emozioni.
Adesso anche “Fili di Vetro ” che ho letto tutto d’un fiato, che mi ha toccato nel profondo e mi ha trasmesso un senso di pace; dove ho ritrovato angosce forse ancora sospese ma che hanno lasciato posto alla vita.

Laura

Pagina 128… e invece il dolore sta proprio nel rimanere aggrappati alla paura stessa, sorda e inquietante…
Mentre leggevo ho sottolineato tutto il capoverso fino a … mandando in corto circuito il cuore… Conosco questa intensa e profonda descrizione della paura che tocca tutti gli esseri umani. Mentre leggo sento che traspare una certa vividezza e sono attratta da tutta la bellezza e appartenenza con cui lo descrivi. Chiara è il personaggio che sento più fortemente vicino a me , con le sue ombre, la sua rabbia, le sue paure, i suoi scatti d’ ira, a volte tragica e quel suo piglio che la contraddistingue fino ad esplodere in una forza da leone con cui accompagnerà Kai nel passaggio in un altra vita.
Grazie Indira questo romanzo è una stupenda e profonda storia d’amore che sviscera quei mondi interiori che spesso teniamo nascosti proprio per la paura di viverci. Con gratitudine

Roberta Rizzardi  

Congratulazioni carissima, una grande forza nella tua scrittura, mi ha fatto viaggiare sulle creste delle onde, nella potenza delle acque. Grazie e buon proseguo di Viaggio, un abbraccio.

Chiara Scalfo – Educatrice

  

Ho quasi finito di leggere il libro e ieri per poco, in treno, non ho pianto.
Sembra scritto sotto l’influenza dei colori del cielo. Ho avuto la sensazione di “sospensione” di parole scritte all’interno di una nuvola, a mezz’aria. Ma è una sensazione piacevole di delicatezza e tatto nel descrivere la pesantezza e la durezza delle tematiche.
Grazie per il suggerimento… ora continuo la lettura.

Susanna

  

Buongiorno Indira, bel libro, complimenti! Sei riuscita, da brava pittrice quale sei, a narrare la storia, le storie, dove sembra quasi essere lì presenti….. La descrizione è cosi amabilmente fluida e veritiera, che quasi si sentono i profumi ed i sapori di quei luoghi, i colori. Ho apprezzato anche la suddivisione in piccoli capitoli, sfruttata da parte mia nel leggere il romanzo un po’ per volta. Ultimo, di certo non d’importanza, l’aver trattato l’argomento dell’eutanasia, argomento molto delicato, riservato ed intimo. Complimenti ancora Indira!!

Gianni  

Ciao Indira, mi permetto di scriverti per ringraziarti. Ho ripreso da capo il tuo libro sabato scorso… l’ho finito 3 minuti fa, e sento un’emozione fortissima invadermi, quasi pronta a scoppiare in lacrime. Il tuo romanzo smuove tanto e sta facendo venire a galla reazioni e commenti miei personali sulla mia vita che emergono in una nuova prospettiva. Cose che so, delle quali sono cosciente ma è tutta settimana che sento che lavorano in modo diverso, ieri mi sono illuminata e ho capito…. sono forti, sento chiaramente quello mi manca…. grazie di tutto, aspettando con ansia il prossimo romanzo, un abbraccio Sissi”

Séverine Cretet – Operatore Olistico

  

Di questo libro amo la leggera ma potente consapevolezza del valore della vita e della morte, dell’amore e del dolore, di ciò che siamo e dici ci siamo dimenticati di essere. Un grande viaggio, poetico e realistico, fatto di sogni e di segni, presenti anche se non visibili, ma sempre veri. Un libro che ti spinge e ti porta più in là, sempre oltre… Grazie.

Mascia Selmo – Counselor

  

Bella la costruzione della trama a matrioska. La scrittrice che narra di uno scrittore che scrive la storia di una coppia che affronta l’eutanasia che finisce per vivere un viaggio con la fantasia.
Lingua forbita, forse troppo tecnica (…) giudizio ottimo per un’opera prima.

Vassilis – Farmacista e gran lettore

Ho letto velocemente e con piacere “Fili di Vetro”, un caleidoscopio impressionista di fatti, sentimenti, emozioni e percezioni che si fondono, arrotolano e si rincorrono, scritti da una donna, fatti raccontare da un vecchio uomo che “scopre” l’armonia di sé narrando amori riflessi e proiettati sulla sua vita

Paolo

Abbiamo trovato molto interessante e coinvolgente il tuo romanzo, ricco di spunti filosofici e riflessioni profonde.
Per quanto riguarda la trama, una delle cose che abbiamo apprezzato maggiormente è il rapporto di Chiara e Kai, il quale non è per nulla banale né scontato. Inoltre è davvero geniale l’idea di far coesistere nello stesso momento vita e morte, presente e futuro.
L’alternanza tra il racconto del romanzo e la storia di Ugo rende la lettura molto più scandita e ricca di suspence.
La rivelazione finale è davvero sconvolgente e dà più valore alla storia.
Passando allo stile, abbiamo già sottolineato di aver apprezzato l’utilizzo di termini tecnici-filosofici. Complimenti per aver reso la distinzione tra lo stile utilizzato da Ugo e la narrazione del personaggio stesso.

Bookshell Dreamer – blogger

  

Buon giorno Indira. Mi presento: sono Liliana (…) Ho letto il suo romanzo Fili di Vetro, acquistato presso l associazione Colori dell’Anima. A essere sincera l’ho preso più per cortesia nei confronti di Daniela che, sempre con grande entusiasmo, dirige l associazione, che per un vero interesse. Come ben si sa il caso non esiste, ed è stato a dir poco stupefacente come, questo romanzo, mi abbia portato in un bel viaggio introspettivo. Emozioni sopite emerse e sogni ad occhi aperti :):) mi ha fatto sorridere e piangere. Grazie per questo contributo.

Liliana

Libro intenso, profondo, dove la vita e la morte, l’amore e la solitudine, la gioia e la tristezza, la rabbia e la pace sono luce e ombra della nostra personalità, della nostra essenza. Come lanciare la moneta con testa o croce, sapendo che siamo entrambe le parti della stessa.
Grazie Indira del lavoro straordinario che ci hai regalato e felice di ospitarti in associazione Colori dell’Anima.

Daniela Cetti

Add Comment