Devo o Voglio ?

Ho deciso di compiere un’azione ma la percepisco difficile, ambiziosa, piena di ostacoli… insomma: impegnativa. Credo di non potercela fare eppure so che va fatta.
Mi sveglio la mattina e il primo pensiero è rivolto proprio a quella cosa con un senso di pesantezza allo stomaco e di confusione mentale.
DEVO, DEVO, DEVO… DEVO FARE QUELLA COSA!
Lo sforzo comincia a farsi strada insieme al quel “devo” e così bevo il primo caffè della giornata.
Che fare?
Se mi lascio trascinare in questa spirale mi verrà anche il mal di testa.
Trovo mille scusanti, lavori più urgenti; creo perfino nuove difficoltà a quelle che già esistono.
Risultato: anche oggi non la farò e domani si vedrà.
Il giorno dopo mi sveglio con quel primo pensiero: DEVO fare quella cosa, e la storia non finisce mai.

Ti sei mai trovato in questa situazione?
Io, sinceramente, mille e mille volte. GRRRRR
Mi odio quando mi rendo conto di essere in quella situazione.
La risposta frequente, comune a chi si trova in questa situazione, è fingere di non sentire il disagio, ma la finzione non porta a nulla, anzi: quella “simpatica” vocina (VOCIONA) interiore comincia a martellare regalandomi una sensazione di frustrazione e di fallimento.
Per uscire da questo fastidio, che attanaglia lo stomaco e intorpidisce la mente, posso allora impormi di fare quella maledetta cosa, costi quel che costi!
Così facendo entro nello SFORZO che spesso porta risultati opposti a quelli desiderati.
Sì: posso mettere una spunta alla lista delle cose da fare, ma la sensazione interiore che provo non è proprio così soddisfacente.
Ho messo a posto la coscienza ma non sono del tutto felice.

Che fare?
Non perdere di vista l’obiettivo!

Sì, lo so, i maestri dicono che non ci sono mete, che il viaggio è la meta, e questo è vero, infatti l’obiettivo non è altro che una tappa del viaggio.
TENERE BEN PRESENTE L’OBIETTIVO: QUESTA É LA RISPOSTA!
– Ricordare l’intenzione che avevo quando si è creato per la prima volta il desiderio di compiere quell’azione.
– Fermarmi un attimo: ritornare in quella sensazione di piacevolezza provata quando è sorta la prima idea, e lasciare emergere il piacere e la gioia che ho immaginato.

Che serve?
Cambiare l’intenzione da DEVO a VOGLIO, perché quella cosa, non solo va fatta, ma AMO farla.

Il DEVO nasce dallo sforzo dell’ego di portare a termine ciò che si era prefissato e segue i dettami del Superego che stabilisce regole di comportamento e giudica costantemente – sia il buono sia il cattivo risultato – infondendo quel conosciuto senso di inadeguatezza o di trionfo – che comunque non contempla gioia autentica e pace interiore.
Il VOGLIO sorge invece dalla nostra Essenza, dal reale desiderio di partecipare alla vita in modo autentico e consapevole.
Il Volere Essenziale è diametralmente opposto al dovere egoico.
– La Volontà Essenziale è assenza di sforzo, scaturisce dalla fiducia in se stessi e nella vita, attinge al proprio istinto e al naturale e personale sostegno interiore.
– Dona solidità, stabilità, purezza di intenti e solidità interiore.
– E’ il naturale impegno a fare ciò che è necessario, donando la capacità (se necessario) di stare nell’insoddisfazione invece di ignorarla come spesso facciamo.
Quando agiamo dallo spazio di Volontà Essenziale ci sentiamo liberi, radicati, presenti a ciò che accade senza il bisogno di giudicare il nostro operato.
Ecco allora che un’altra qualità Essenziale si può aprire e manifestare: La FORZA il cui impulso è l’autentico Potere Personale.
Non solo VOGLIO ma POSSO fare quella cosa perché ho le capacità per compierla e il farla mi dona GIOIA e PACE interiore.

La vita è un po’ come una scala: ogni gradino è un passo del cammino.

……………………………………………

Tu su che gradino sei oggi?

Add Comment